Astrologia

IL TEMPO DI RENDERSI CONTO – I TRANSITI IN CAPRICORNO E LA MISURA DI SE

Questi giorni offrono tanti spunti per scrivere. Se ieri ho dovuto far presente quanto fosse necessario lasciar andare tutta la tristezza che stava emergendo, per fare pace anche con una certa parte della nostra vita, stasera non posso fare a meno di esprimere uno strato fondamentale che si rivela in tutta la sua potenza, qualcosa che tendenzialmente ogni umano rifugge: la solitudine.


E’ scoppiata come una bomba nel cuore, deflagrando interiormente, creando voragini. O meglio, rivelando voragini già presenti. Mi ritengo fortunata di riuscire finalmente a stare in osservazione, dopo una vita di fughe. Devo aver elaborato bene, perché ora sto toccando confini da cui ho sempre cercato di tenermi lontana. Ora ci sono. La sofferenza è immensa, ma mi sto permettendo di rimanere e sentire come la solitudine mi ha sempre scorticata viva. Ci sto dentro. E non c’è consolazione, nulla che possa consolare.

Una sensazione totalizzante, un’onda immensa che toglie il fiato. Eppure esisto lì dentro. Ci navigo da sempre. Ora ho però un timone in mano e attendo che l’intensità passi, che l’onda discenda, portando la calma. Ma nulla è più come prima. L’essere testimone di questo processo è un dono immenso, direttamente portato dall’azione precisa e misurata di Saturno retrogrado; il Maestro dell’Anima si ripresenta dopo trent’anni e chiede quanto siamo cresciuti nell’autonomia. L’ultima volta ho fatto una scelta campale pur di sfuggire alla sofferenza della separazione.

Non sono riuscita a stare in piedi da sola. Ero molto giovane e spaventata. Questa volta, forte dell’esperienza e dell’amore che ho imparato a creare dentro e intorno a me, posso. Saturno misura, plasma, segna dei confini, e lo fa con la complicità di un Archetipo potentissimo, Plutone, Occhio Psichico, Forza Inconscia che scava e porta in superficie, a sua volta retrogrado, quindi capace di riesumare le antiche tematiche irrisolte. Considerando che essi sono congiunti al Nodo Lunare Sud in Capricorno (Saturno e Nodo Sud 20°/Plutone 22°), la valigia del passato da svuotare, ecco che il senso di smarrimento è altissimo.


Quanto saremo freschi e puliti, una volta passata questa onda? Il fatto è che non so dire quando accadrà. Osservo, faccio surf, seguo la corrente e vi tengo aggiornati. Altro al momento non riesco.

In lak’ech!

Stefania Gyan Salila

Fonte: https://camminanelsole.com/il-tempo-di-rendersi-conto-i-transiti-in-capricorno-e-la-misura-di-se/